Scapece Gallipolina 300gr. specialità marinare del Salento Leccese Scapece Manno

Scapece Gallipolina 300gr. specialità marinare del Salento Leccese Scapece Manno

€ 9,00

Ingredienti:

- Pesce: Latterino, Boga, Vopillo
- Farina di grano
- Olio di oliva
- Pan grattato
- Aceto
- Zafferano

Confezione da 300 gr. con vaschetta di plastica

Prodotto Italiano da Scapece Manno dal 1954 rigorosamente ed esclusivamente lavorato a mano seguendo la Tradizione Gallipolina e senza l’ausilio di attrezzature meccaniche, solo con pesce fresco pescato in zona FAO 37.2.2 e, qiundi, potrebbe essere disponibile in quantità limitata.

L’ingrediente principale della Scapece Gallipolina sono piccoli pesci appartenenti alle specie di pesce azzurro. Vengono lavati, panati con farina e fritti. I pesci fritti vengono disposti in tinozze di legno di castagno, a strati alternati con la mollica di pane imbevuta con l’aceto e lo zafferano. La particolarità e tipicità del prodotto è il colore giallo dello zafferano e il profumo della fragranza marina che si mescola all’odore dell’aceto e il profumo nelle tinozze di castagno.

La Scapece è un prodotto unicamente tipico Gallipolino tramandato da padre in figlio e risale al 1954 la prima licenza da parte di Mario Manno. La prima nozione sulla Scapece è stata riportata nel trattato di cucina scritto da Marco Gavio Apicio gastronomo romano del II sec. a.C. ("De Re Coquinaria").
L’etichetta nutrizionale è stata redatta presso il laboratorio della Sezione di Alimentazione e Nutrizione della Facoltà di Medicina Veterinaria di Bari, utilizzando le analisi condotte su metodiche dell’AOAC (1996), inoltre la determinazione degli acidi grassi costituenti dall’estratto lipidico è stata effettuata secondo metodica AOAC Official Method 969,33 (1997)


Consigli e curiosità in cucina: Questa specialità locale tipica Gallipolina è un prodotto che si può consumare tutti i giorni viste le proprietà benefiche dell’assunzione del pesce azzurro. Ottimo sia come antipasto o da servire come secondo piatto. Un piatto antico, povero ma ricco di storia e di tipicità.

Condividi:
  1. 11/08/2020 20:52:38

    Quanti ricordi la festa di s. Rocco

  2. Mariaelena23/06/2019 13:14:30

    Non potevano mancare nelle feste di paese

Aggiungi Una Recensione

Prodotti Correlati