UN PRIMO PIATTO CON LO ZAFFERANO? DETTO FATTO!

Vi ho raccontato come utilizzare al meglio lo zafferano Luna, i suoi tempi di infusione e gli svariati modi a cui si presta la sua preparazione.
Oggi mi piacerebbe darvi qualche consiglio di cucina, con dei suggerimenti per sfruttare in modo creativo questo ingrediente impareggiabile per gusto, bontà e proprietà benefiche.
Ho avuto modo di assaggiare un primo piatto a base di zafferano a dir poco delizioso a Galatina, presso il ristorante Le Casine sull’Asso, di Alberto Piccinno, che con gentilezza e ospitalità mi ha fatto addentrare nel mondo culinario che sposa l’abbinamento di una spezia così regale e importante. Una giornata bellissima, di cui conservo ancora sorrisi ed esplosioni di gusto e sapori, in cui ho avuto il piacere di essere affiancata anche da Virginia, amministratrice della Tenuta agricola Luna di Aradeo, che produce lo zafferano che trovate nel mio shop.
Ero in una cornice perfetta, un’ambientazione che ricorda profumi e sapori antichi, di quelle che ti fanno sentire a casa, come fossi una di famiglia. E proprio qui, dopo aver gustato un primo piatto davvero unico, mi son detta: perché non raccontarlo nel blog, per condividerlo con i miei clienti e soprattutto, per dare loro un suggerimento creativo e gustoso?
Confesso di essere stata inizialmente piuttosto indecisa se farlo o meno: sul web impazzano ricette di ogni tipo, così come in TV siamo bombardati da programmi a tema e format dedicati alla cucina. Poi ho realizzato che il mio piatto aveva come scopo quello di porsi più come esperienza condivisa, come suggerimento di gusto, piuttosto che come “dritta” culinaria, così eccomi qui a raccontarvelo.

Trofie allo zafferano Luna, con crema di zucchine, guanciale e ricotta salata: un salto in un piatto antico, un’esperienza delicata e decisa al tempo stesso, di cui non potevo non rendervi partecipi. Ecco la ricetta completa e i passaggi per realizzarla.

INGREDIENTI (dosi per 4/5 persone)

320 grammi di trofie
150 grammi di guanciale
300 grammi di zucchine
50 grammi di ricotta salata
1 scalogno
0,2 grammi di zafferano Luna
3 cucchiai di olio EVO
sale e pepe q.b

PROCEDIMENTO

Come già detto in questo post lo zafferano Luna va messo in infusione in una tazzina di caffè.
Il liquido deve essere ben caldo, 3, 4 stimmi possono bastare, lasciateli in infusione per almeno 40 minuti. In un tegame mettete un filo di olio EVO, il guanciale tagliato a listarelle e fatelo soffriggere sino a che non sarà dorato e croccante. Lavate intanto le zucchine e tagliatele a tocchetti, mettetele poi in un altro tegame con un filo d’olio, lo scalogno tritato, un pizzico di sale e pepe, se gradite. Fate insaporire e cuocere il tutto per circa cinque minuti. Aggiungete quindi l’infusione di zafferano, con tutti i pistilli, e continuate a cuocere per cinque minuti ancora. Una volta cotte le zucchine frullatele con un frullatore a immersione, per ridurle a crema. Cuocete le trofie in abbondante acqua salata bollente, scolatele ben bene e insaporitele nel tegame con la crema di zucchine. Infine aggiungete il guanciale e spolverate con una dose generosa di ricotta salata grattugiata.

Nelle foto vedrete che anche la presentazione del piatto ha giocato un ruolo importante: potete guarnire il tutto, se gradite, con piccoli stimmi di zafferano, oppure potete semplicemente impiattare e gustare con tutta calma il piacere di un primo piatto che lascerà di stucco i vostri ospiti e... i vostri palati. :-)